Consulenza

Fornire Esperienza per Generare Autonomia

Ti trovi qui::/Consulenza
Consulenza 2017-04-11T05:10:44+00:00
Consulenza HR - di Pietro Iacono Quarantino

Lavoro nella consulenza di sviluppo organizzativo e di direzione del personale dal 2006. In tutti questi anni ho messo a punto metodologie e strumenti, ho acquisito competenze e sviluppato expertise diverse, ma soprattutto ho capito che per fare bene il consulente bisogna sempre tenere in mente 3 cose:

1. Le aziende hanno bisogno di cambiare, sempre

Per sfruttare le opportunità che si aprono per espandere il proprio mercato; sviluppare i propri prodotti o offrire servizi migliori; rispondere ad un competitor; adottare nuove tecnologie o nuove metodologie di lavoro; rendere più snella e flessibile l’organizzazione e i processi di lavoro; affrontare un passaggio generazionale; migliorare le condizioni di lavoro dei propri collaboratori; far fronte alla crisi.

Sono tanti i motivi per cui una organizzazione può o deve cambiare e svilupparsi. Continuamente.

2. Le aziende sono fatte da persone e le persone sono una risorsa eccezionale

Forse tra alcuni anni non sarà così e lo sviluppo della robotica e del machine learning ci libererà dalla necessità di lavorare (o ci priverà del piacere di farlo?). Ma oggi le organizzazioni, non importa di quale settore, sono costituite da persone e da gruppi di persone cui è richiesto di partecipare attivamente, in maniera costruttiva e orientata allo sviluppo dell’organizzazione e al suo successo.

Le persone che fanno parte di una organizzazione sono la risorsa più importante e un intervento di sviluppo organizzativo deve sempre tenerle in considerazione e, possibilmente, coinvolgerle per valorizzarle.

3. Può sapere cosa serve davvero ad un’azienda solo chi ne fa parte

Un consulente esterno non potrà mai conoscere una azienda meglio di chi la vive giorno per giorno, di chi l’ha fondata, di chi la dirige da anni, di chi vi lavora per ore, ogni giorno, dedicandovi la maggior parte del proprio tempo, della propria passione e delle proprie energie.

La conoscenza di una organizzazione, dei processi lavorativi, dei valori e della cultura organizzativa che guidano i comportamenti di ne fa parte sono fondamentali per definire la direzione, i metodi e le azioni più opportune per sostenere e gestire il cambiamento.

Fare Consulenza

Queste tre convinzioni si traducono in tre chiare indicazioni operative:

1. Fornire aiuto

La consulenza deve essere di aiuto ai clienti e alle loro organizzazioni. Deve aprire spazi di riflessione sui processi e sulle relazioni, far insorgere discontinuità, facilitare il cambiamento, supportare la presa di decisioni e sostenere le azioni che consentono lo sviluppo dell’organizzazione. La mia priorità è sempre quella di fornire un aiuto concreto e tangibile, non di vendere un prodotto o un servizio.

2. Cooperare

Cooperare con i vari livelli dell’organizzazione interessati al cambiamento in corso consente la valorizzazione e l’attivazione delle risorse presenti in azienda, che devono essere sempre in grado di promuovere cambiamenti, innovazioni, evoluzioni, non solo durante il rapporto di consulenza, ma soprattutto al termine di essa.

3. Coinvolgere

Poiché il cliente è la persona che meglio conosce la propria azienda, deve essere coinvolto sia nella fase di definizione del problema che nella pianificazione delle azioni di sviluppo. Come consulente, fornisco al mio cliente tutto l’aiuto che gli serve per risolvere il problema da solo, effettuando una corretta diagnosi ed elaborando un valido piano di azioni.

In sintesi

Che venga contattato per un intervento che ricade nella mia area di expertise o per la vendita di un servizio specializzato a catalogo, l’obiettivo finale della consulenza è sempre quello di aiutare il cliente ad aiutarsi, trasferendo la capacità di diagnosticare il problema e di individuare le azioni più opportune per risolverlo; anche in questo caso non soltanto durante il rapporto di consulenza, ma soprattutto nell’ottica di generare autonomia e fornire strumenti che consentiranno al cliente di affrontare nuovi problemi o lo stesso, se dovesse ripresentarsi, perché qualunque soluzione è più efficace se l’organizzazione impara ad occuparsene da sola.

Aree di Expertise

Le principali aree di competenza per cui fornisco consulenza e alcuni esempi di intervento:

Altre Informazioni

Per avere altre informazioni o iniziare a lavorare insieme per la tua azienda o organizzazione, contattami: valuteremo insieme il problema o le opportunità e individueremo le strategie e gli strumenti più opportuni.